Nihontō – Arte Pericolosa

Dal 14 al 24 Maggio si è tenuta a Milano la mostra Nihontō – Arte Pericolosa presso la Galleria di Giuseppe Piva nella centralissima Via San Damiano.

Parte di un evento più ampio, denominato &MilanoAsianArt, la mostra di Giuseppe Piva, che spazia dalle lame alle armature passando per freccie ed elmi, benché numericamente esponesse pochi pezzi, qualitativamente si è rivelata essere ricchissima.

In un ambiente intimo e ben curato la visita è stata lunga e molto istruttiva; riviviamo assieme, pezzo dopo pezzo, il percorso dell’esposizione di Piva.

Prima di iniziare, tuttavia, vorrei far notare che le considerazioni di natura tecnica derivano dal mio studio personale (ancora in corso) e dall’osservazione in teca delle lame, pertanto, in caso di inaccurate osservazioni vi prego di scusarmi anticipatamente ed eventualmente far rilevare mancanze od errori; d’altronde il mondo della spada giapponese è vastissimo e lo studio richiede anni di dedizione, mostre ed osservazioni; spero possa scaturire da questo articolo un bello scambio di opinioni ed una piacevole discussione sull’arte più affascinante e pericolosa del Giappone.

Daisho in Koshirae

Daisho mumei Kanefusa 1570
Daisho mumei Kanefusa 1570

Lame mumei (non firmata) probabilmente Kanefusa, periodo Muromachi Sue-Seki (1570 circa).

Dipinto con Calligrafia

Dipinto con calligrafia 1939
Dipinto con calligrafia 1939

La spada può uccidere una persona
e lasciarne viva un’altra
La qualità di una spada
dipende da come viene usata.

Estate 1939 – Generale Maggiore Harada

Kakuzukin-nari kawari kabuto

Elmo da samurai XVII secolo
Elmo da samurai XVII secolo

 Elmo straordinario da samurai risalente al periodo Edo, XVII secolo proveniente dal Museo Arashiyama di Kyoto, abbinato ad un Ressei menpô di scuola Myôchin del solito periodo.

Yoshindo Yoshihara no Tanto

Yoshindo Yoshihara 2008
Yoshindo Yoshihara 2008
Yoshindo Yoshihara 2007
Yoshindo Yoshihara 2007
Mei Yoshindo Yoshihara 2007
Mei Yoshindo Yoshihara 2007
DSC00379_Snapseed
Yoshindo Yoshihara Tanto Koshirae

Due splendidi Tanto realizzati dal maestro spadaio Yoshindo Yoshihara (1943). Lame prive di qualsiasi segno di attività e difetti, con superficie scintillante di riflessi bluastri. Si apprezzano un Hamon lattiginoso con Yakiba chiaro.

Il primo Tanto presenta Hamon di tipo Suguha mentre il secondo di tipo Notare, entrambi con cristalli di Nioi.

Nel secondo Tanto si possono individuare due sgusci, di cui il principale è di tipo Naginata-bi con soe-bi parallelo.

Entrambe sono lame di grande pregio e abile forgiatura.

Shintôgo Kunimitsu no Tanto

Kunimitsu - 1290
Kunimitsu – 1290

Il pezzo più pregiato della collezione esposta; Datato 1290 e firmato Shintôgo Kunimitsu, maestro del celebre Masamune.

Specializzato nella realizzazione di Tanto è stato il fondatore della scuola Soshu-den.

Palese in questa lama è il riflesso blu-porpora della superficie con hamon di tipo Suguha (usuale in Kunimitsu).

Lungo la lama Futatsuji-bi di tipo koshi con un terzo hi nei pressi del nakago apparentemente di tipo Tanago-bara.

La lama presenta pochissime attività ed è in ottimo stato di conservazione, il che le è valso il Juyo Token rilasciato dalla NBTHK.

Koyama Munetsugu no Wakizashi

DSC00371_Snapseed

Wakizashi di tradizione Bizen, forgiato nel secondo mese del 1874, poco dopo la fine dello Shogunato Tokugawa, presenta un Hamon di tipo Gunome (probabilmente Choji-Gunome) con nioi, davvero affascinante, con pochissime attività e un bel riflesso di superficie che denota una lama di gran pregio.

Munetsugu, al suo tempo, era considerato come il miglior fabbro della Bizen-den e certamente fra i migliori del periodo Shinshinto.

Kodoshi Kabuto

Koboshi Kabuto XVII secolo
Koboshi Kabuto XVII secolo

Elmo Koboshi Kabuto a 62 piastre della scuola Haruta realizzato in epoca Edo, viene presentato con un Okina menpô realizzato da Yoshiatsu nel XVIII secolo.

Hosokawa Itomaki no Tachi Koshirae

Hosokawa no Tachi Koshirae - 1570
Hosokawa no Tachi Koshirae – 1570

Bellissimo esemplare di Tachi-no-koshirae, datata circa 1570 con certificato Juyo Tosogu rilasciato dalla NBTHK nel 1971.

Stiamo parlando di un rarissimo esempio di montatura Tachi del clan Hosokawa, come evidenziato dai numerosissimi Mon in oro e lacca presenti su tutta la montatura.

Dettaglio della Tsuba
Dettaglio della Tsuba

La bellezza artistica di questa montatura di tipo Itomaki è a dir poco sconvolgente, così come lo stato di conservazione impeccabile.

Dettaglio della Saya
Dettaglio della Saya

Bisogna fortemente considerare la rarità di questo pezzo.

Solitamente le koshirae Itomaki sono relativamente “recenti” mentre, un esemplare come questo, e con il livello di rifiniture di lacche, finimenti, seta e materiali, risulta ancora più impressionante.

Durante il periodo Edo, infatti, le Tachi non venivano più portate, ma usate esclusivamente per cerimonie, regali o donazioni ai templi.

DSC00393_Snapseed
Sospensori – Dettaglio

I Mon di famiglia sono realizzati in lacca Tamaki-e nel fodero ed in Takabori Iro-e per i finimenti.

Questo tipo di montatura è divenuta di uso comune nei cerimoniali a partire dal XVII secolo.

O’Wakizashi

DSC00409_Snapseed
O’Wakizashi 1580

Lama Mumei epoca Mino, proveniente dal Metropolitan Museum di New York e risalente al 1580, probabilmente nasceva come uchigatana, successivamente accorciata, come inducono a pensare i due mekugi-hana molto ravvicinati.

Con pochi segni di attività e difetti quasi assenti, presenta un hamon di tipo probabilmente Notare e Futasuji-hi di tipo kaku-dome. In buono stato di conservazione generale, l’acciaio è lucente e la lama pare di buona qualità, con Moto-kasane e Moto-haba molto accentuati che conferiscono alla lama un aspetto massiccio.

Yoshioka Ichimonji no Katana

Yoshioka Ichimonji 1320
Yoshioka Ichimonji 1320

Katana di epoca Bizen, risalente al 1320 circa, mumei, ma probabilmente di Yoshioka Ichimonji, è accompagnata da un certificato NBTHK di Juyo Token.

Splendido hamon lattiginoso di tipo Gunome o Gunome-sanbon-suji di nioi. Parrebbe presentare un Hada di tipo Ayasugi.
L’acciaio appare di gran lucentezza con riflessi bluastri sinonimo di un’ottima forgiatura.
La lama è percorsa da un Hi di tipo Bo-bi.

Shizu Kaneugi no Katana

Shizu Kaneuji
Shizu Kaneuji

Katana in Koshirae (esposto separatamente) risalente al 1320 circa e attribuita, benchè mumei a Shizu Kaneugi; è accompagnata da un certificato Juyo Token della NBTHK.

Bellissimo hamon di tipo Gunome lattiginoso, di nioi, la lama presenta O’Kissaki e nessun hi.

Uchigatana Koshirae

Uchigatana Koshirae
Uchigatana Koshirae
Particolare di una Tsuba
Particolare di una Tsuba
I tre koshiare.
I tre koshiare.

Tre splendidi esemplari di Koshirae in perfetto stato di conservazione rappresentano l’essenziale bellezza ed il fascino delle lame giapponesi.

I primi due koshirae sono destinati ad ospitare le due lame precedentemente descritte.

L’uchigatana più in basso non è solo un koshirae, ma ospita anche una splendida lama di cui andiamo subito a parlare.

Kanefusa Sue-Seki no Katana

DSC00493_Snapseed
Sugata di Kanefusa no Katana

Mirabile esempio di Katana in koshirae del 1570, mumei, probabilmente Kanefusa, presenta un hamon di tipo Hako-midare parzialmente chogi e Boshi di tipo Midare Komi e pochissime attività sulla lama.

DSC00432_Snapseed
Particolare del koshirae.

Il koshirae è in ottimo stato di conservazione, con fodero in lacca ishime nera e menuki a forma di vasi di fiori.

Dô-maru Tosei gusoku

Front
Front
Detail
Detail
Side
Side

Bellissima armatura completa di epoca Edo (XVIII secolo) ricca di dettagli e in perfetto stato di conservazione e finiture di altissimo livello.

Yanone e Utsubo

DSC00466_Snapseed
Yanone
DSC00474
Utsubo

Punte di freccia molto raffinate ed in ottimo stato di conservazione risalenti al periodo Edo con faretre da viaggio del medesimo periodo.

Tsuba Chosu ed altre

Le tsube esposte
Le tsube esposte

Al centro della fotografia è visibile una Tsuba Choshu di epoca Edo a firma Kawaji Tomonao, risalente al XVIII secolo.

Tsuba Choshu - Kawaji Tomonao
Tsuba Choshu – Kawaji Tomonao

Presenti alla mostra anche un antico bokken in legno con Tsuba in ferro ed altri oggetti minori.

Un simpatico oggetto esposto.
Un simpatico oggetto esposto.

Durante la visita ho avuto occasione di visionare oggetti non in mostra, come i bellissimi Netsuke o altre lame non esposte, nell’ottica di una conversazione approfondita e piacevole con il Maestro Piva, antiquario accreditato, ottimo conoscitore della materia e docente di Iaido e Kendo a Milano.

Certamente Giuseppe Piva sarà il mio riferimento per il futuro acquisto di una lama giapponese.

Con piacere ricorderò questa mostra e attenderò la prossima.

4 pensieri riguardo “Nihontō – Arte Pericolosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...